TAGteach in pratica: Scherma medievale

Quando un po' di anni fa stavo cercando un progetto per la mia certificazione a TAGteacher, ho avuto l'dea di coinvolgere mio nipote  che da anni praticava la scherma medievale. Così gli ho chiesto se gli andava l'idea di insegnarmi i rudimenti della tecnica con l'uso del TAGteach. Poteva dire no a suo zio? E così ci siamo imbarcati in questa avventura. .

 

Essere taggato è un assoluto dovere di ogni TAGteacher. Se chiedo un determinato comportamento devo essere sicuro che il mio allievo sia in grado di riconoscerlo. Per cui chiedo di essere taggato prima di taggare. Lavorando alla scherma, mettermi dalla parte di chi impara mi ha permesso di conoscere come ci si sente ad essere taggati e quali accorgimenti tenere perchè l'apprendimento sia sempre eccellente.

Una delle prime lezioni di scherma. Qui stiamo lavorando al passeggio -ovvero a come camminare- armati di spada. I tag points mi permettono di rimanere focalizzato su un dettaglio alla volta e di imparare più velocemente.


Dal video di prima a questo è passato uno' di tempo e ci sono stati dei miglioramenti. Adesso mi ci vuole una torre alta con principessa da salvare o, per lo meno, un drago. Avete un drago comodo sottomano?


Un po' di storia: Il "Flos Duellatorum"

L'uso della spada, la prima arma inventata con il solo scopo di uccidere altri esseri umani, è molto antico. Le prime fonti che accennano a particolari tecniche risultano fin dal periodo romano, ma è nel tardo Medioevo che appaiono i primi trattati scritti da Maestri d'Arme veri e propri. In Italia, i più famosi Maestri che ci hanno lasciato testimonianza dei loro insegnamenti sono Fiore dei Liberi (Flos Duellatorum - Ferrara - 1410 circa) e Filippo Vadi (De arte gladiatoria dimicandi - Urbino - 1485 circa)

Il Flos Duellatorum, è caratterizzato dalla presenze di numerosi disegni di personaggi che mostrano esattamente la posizione e la postura da assumere per ogni mossa presentata. I personaggi con la corona sono i Maestri che mostrano le mosse. Non immaginate che sia un libro di duelli cavallereschi. Assolutamente no. Ci sono calci, slogature di braccia pugni e altre mosse “scorrette”. Per il maestro Fior (e i suoi allievi) l’importante era vincere, non partecipare.

La presenza delle figure, il dettaglio con cui sono spiegate le diverse "mosse" hanno fatto sì che questo libro sia diventato la fonte storica principale per quanti stanno recuperando oggigiorno le tecniche di scheerma medievale.

 

L'uso della spada, la prima arma inventata con il solo scopo di uccidere altri esseri umani, è molto antico. Le prime fonti che accennano a particolari tecniche risultano fin dal periodo romano, ma è nel tardo Medioevo che appaiono i primi trattati scritti da Maestri d'Arme veri e propri. In Italia, i più famosi Maestri che ci hanno lasciato testimonianza dei loro insegnamenti sono Fiore dei Liberi (Flos Duellatorum - Ferrara - 1410 circa) e Filippo Vadi (De arte gladiatoria dimicandi - Urbino - 1485 circa)

Il Flos Duellatorum, è caratterizzato dalla presenze di numerosi disegni di personaggi che mostrano esattamente la posizione e la postura da assumere per ogni mossa presentata. I personaggi con la corona sono i Maestri che mostrano le mosse. Non immaginate che sia un libro di duelli cavallereschi. Assolutamente no. Ci sono calci, slogature di braccia pugni e altre mosse “scorrette”. Per il maestro Fior (e i suoi allievi) l’importante era vincere, non partecipare.

La presenza delle figure, il dettaglio con cui sono spiegate le diverse "mosse" hanno fatto sì che questo libro sia diventato la fonte storica principale per quanti stanno recuperando oggigiorno le tecniche di scheerma medievale.

 

Clicca qui per l’elenco dettagliato delle nostre prossime iniziative: seminari, workshop e lezioni.

Per ulteriori informazioni contatta Luca Canever: info@tagteachitalia.com