4 CONSIGLI PER GLI ALLENATORI

di: TAGteach International,

tradotto e pubblicato con il consenso di TAGteach Int.

 

Come ogni allenatore professionista (e non) sa, il modo migliore per allenare un atleta vincente passa attraverso: creatività, divertimento e rinforzo positivo ... Teoricamente.

La realtà è che tutto ciò che è divertente può anche essere piuttosto dispersivo. Ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il … mare. Un mare di allenatori che hanno poco tempo a disposizione per produrre risultati: gli atleti devono primeggiare nelle competizioni prima possibile! Sotto la superficie di quel mare si nascondono l'impazienza di insegnanti, direttori sportivi, atleti e dei loro genitori. Esiste un “metodo” applicato dalla maggior parte degli allenatori come una risposta concreta a tutta questa pressione: "Correggi-sempre-gli-errori". Per tenere la testa sopra l'acqua e risparmiare tempo prezioso, gli allenatori vedono solo gli errori da parte del loro atleta e doverosamente applicano le opportune le correzioni ... tutte, in una sola volta! Che altro si può fare per rimanere a galla, giusto? Ecco quattro consigli pratici che i TAGteachers conoscono e che gli atleti desiderano i loro allenatori conoscano, per ottenere il massimo delle prestazioni nel più breve lasso di tempo possibile e con il minor numero di problemi:

  • Chiedere ciò che si desidera. Essere molto chiari su ciò che il vostro atleta ha bisogno di fare bene nel prossimo esercizio. Mantenere questa istruzione sgombra, rimuovendo le descrizioni dei diversi errori che potrebbero essere commessi.
  •  Chiedere una sola cosa alla volta. Pensare a quello che potrebbe essere un elemento chiave sul quale l'atleta metterà la sua piena attenzione nel tentativo successivo.
  •  Assicurarsi di osservare chiaramente il momento esatto in cui l'atleta soddisfa i criteri per il successo.
  •  Formulare l’istruzione finale in cinque parole o meno. Questo è tutto ciò che ricorderanno comunque, nel momento in cui aspettano il loro turno: bisogna fare in modo che le ultime parole contino! E’ necessario anche ssicurarsi che le parole descrivino all’atleta l'esatto, specifico dettaglio che verrà osservato e sul quale l’atleta dovrebbe rimanere focalizzato.

Questo video è il perfetto esempio a quanto abbiamo appena detto. Ci sono molte ottime qualità nelle due allenatrici, ma la migliore, senza dubbio, è l’attenzione sui quattro punti sopra elencati.